Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/03/2007
Telefonini, via icosti di ricarica ma a fasi alternate.

Conto alla rovescia per l'eliminazione, il 5 marzo, dei costi di ricarica dei telefonini, prevista dal decreto sulle liberalizzazioni. I consumatori sono già pronti a vigilare su eventuali aumenti delle tariffe legati al taglio delle ricariche, mentre operatori come Vodafone hanno giocato d'anticipo annunciando che l'eliminazione avverrà per i propri clienti a partire dal 4 marzo.
E per i clienti di 3 Italia lo stop ai costi fissi è previsto già dal 2 marzo, mentre gli utenti che aderiscono ai vecchi piani tariffari con Wind potrebbero vedersi eliminato il costo della ricarica solo in parte. È questa, infatti, l'unica che non cancellerà del tutto i balzelli fissi, aboliti solo per i clienti che compreranno ricariche di almeno 50 euro o per quelli che aderiranno ai nuovi piani tariffari («Riteniamo di rispettare in pieno il decreto»).

«Dobbiamo sorvegliare il mercato perchè la cancellazione del costo di ricarica non si abbatta pesantemente sulle tariffe», afferma l'Adoc secondo cui se ci saranno aumenti dovranno indagare Autorità e Ministero delle Comunicazioni.
Voce già critica, ma isolata, quella invece del Movimento difesa del cittadino, che nel lancio di due nuovi piani tariffari Vodafone (contemporaneo all'abolizione dei costi di ricarica per i piani già esistenti) vede un aumento degli addebiti alla risposta. Insomma, l'attenzione ora si va spostando sugli operatori di telefonia mobile.
Secondo i quali l'interpretazione del decreto legge Bersani non sarebbe del tutto univoca.

E per il momento c'è la massima chiarezza soltanto per i clienti di Telecom. Che come ha già annunciato la compagnia, a partire dal 5 marzo traformerà tutti i costi di ricarica in traffico telefonico pienamente utilizzabile.
«Pertanto, a titolo di esempio - dice la compagnia - i clienti TIM che acquistano una ricarica da 10 Euro avranno accreditati effettivamente 10 Euro di traffico telefonico. Ciò è valido per tutte le ricariche effettuate».

«Da oggi comincia l'abolizione delle ricariche telefoniche. So che a qualcuno può fare dispiacere, ma questa è la realtà», dice il premier Romano Prodi. Al quale si è aggiunto, in un intervento rilasciato a Montecitorio, anche il ministro dello Sviluppo economico Pierluigi Bersani: «Se passa il principio che pago quello che consumo e non accetto più balzelli - dice Bersani - di cui non capisco il senso alla fine il consumatore è più forte».
E, a proposito dei "trucchi" sui piani tariffari e denunciati dai consumatori, il ministro Bersani invita alla prudenza: «Il timore di un aumento delle ricariche è infondato - dice - ne parliamo tra un anno. E vedremo se il consumatore ci ha guadagnato».





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.