Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

26/02/2007
Gli autovelox fissi saliranno da 9 a 16.

Ormai è diventato il nuovo businnes, un modo sicuro per prendere soldi sotto il nome della sicurezza, avere la macchina oggi comporta non pochi problemi economici e d'ora anche psicologici, uno stress continuo, oltre a quello che paghiamo tra bolli e bollini che non hanno alcun significato, parti da casa dove paghi il parcheggio e ti rechi in città per lavoro, occhi aperti per non cadere nella trappola degli autovelox, vengono anche indicati con un cartello, magari il tizio davanti a te sorpassa in curva, invade l'altra corsia, marcia senza fari accesi, senza cinture e parla al telefono non prende nemmeno un euro di multa, tu vai piano per evitare multe e un giorno per una piccola distrazione ecco che ti arriva a casa un quarto di stipendio da pagare. Arrivi in città già stressato, parcheggi ... ops... ovviamente a pagamento.

Ma torniano agli autovelox, il consigliere di Forza Italia Ugo Cavallera ne ha chiesto addirittura l’abolizione. «L’amministrazione provinciale ripensi la strategia per limitare la velocità sulle strade più a rischio, magari realizzi ulteriori modifiche infrastrutturali, potenzi il sistema dei dissuasori».
L’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Prete pensa invece che "bisognerebbe razionalizzare il livello dei limiti di velocità in rapporto alle condizioni della strada e poi farli rispettare", e su questo il popolo degli automobilisti potrebbe anche essere d'accordo, ci sono tratti di strada rettilinei con limiti troppo bassi, dai 30 ai 50, senza case attorno, la gente protesta stufa di queste assurde, insensate e illogiche limitazioni, tutto per fare cassa, ma dove li andiamo a prendere tutti questi soldi, non ne abbiamo più, li abbiamo finiti da tempo, ora ci tocca guidare con il terrore di prendere una multa e perdere punti, e poi parlano di distrazione mentre si guida...

Attualmente gli autovelox fissi sono in funzione sulla Novi-Ovada, a Silvano d’Orba, in entrambi i sensi di marcia: a Tortona, sulla ex statale 10, dove c’è il limite di 50 all’ora, in direzione Tortona ed in direzione Alessandria; a Serravalle, all’altezza dell’Europa Metalli, sulla ex 35 dei Giovi, limite di 50 all’ora, sia in direzione Cassano che Serravalle; a Occimiano, limite 70 all’ora, sulla ex statale 31 del Monferrato in direzione Casale.
Il progetto complessivo che sarà completato nell’arco dell’anno prevede di installare nove postazioni una per ognuna delle 9 strade ex statali o provinciali dove avviene il maggior numero di incidenti. Le apparecchiature saranno 16 perché nella quasi totalità dei casi saranno installate in entrambi i sensi di marcia.
Successive postazioni previste su: 35 bis dei Giovi a Novi; ex statale 30 in Val Bormida; ex statale 494 Vigevanese; 211 della Lomellina; ex statale 456 del Turchino.

Ogni volta bisogna mettere mano al portafogli, al giorno d'oggi possedere un'automobile costa 1 mese di stipendio all'anno, tra revisioni ogni 2 anni, bollino blu assolutamente inutile, bolli, assicurazioni, parcheggi a pagamento, autostrade, autovelox, riparazioni e tagliandi eccetera ..., per chi guadagna mediamente dagli 800 ai 1200 euro all'anno.
Intanto costruiscono e pubblicizzano auto che fanno fino a 319 km/h, quando basterebbe una legge che vieta la fabbricazione a la vendita di auto che fanno più di 130 km/h e una revisione completa dei limiti di velocità a seconda della strada percorsa.

Tra l'altro siamo sempre alle solite quando leggiamo sul giornale che il pirata che uccide investendo persone sulle strisce o marciando contromano, viene rilasciato dopo pochi mesi di prigione e gli ridanno anche la patente, si siamo sempre alle solite, per colpa di pochi la pagano tutti.

Da La Stampa:
Basta percorrere la Colla per rendersi conto della confusione che si è creata. In assenza della segnaletica che indichi la velocità massima consentita dall'autovelox, c'è più di un automobilista che per portarsi ai 50 km/h rischia spesso il tamponamento.
Ma l'autovelox è tarato sui 90 km/h. Gli automobilisti chiedono chiarezza. All'ingresso della curva sono stati posizionati dei pannelli luminosi (senza rilevamento della velocità) per far mantenere la velocità a 50 km/h. In molti si aspettavano un autovelox proprio lì.
Invece la Polizia provinciale l’ha collocato a 300 metri di distanza, nel rettilineo che conduce in città, tarandolo a 90 km/h. Ci si interroga: «A cosa è servito mettere soltanto un pannello luminoso senza rilevatore di velocità dove la strada è davvero pericolosa, posizionando invece l'autovelox sul rettilineo?».
La polizia starebbe intanto pensando di abbassare il limite a 70 km/h. Lo scontento per la situazione si è manifestato con lanci di fionda che hanno mandato in frantumi le postazioni.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.