Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

30/01/2007
Gli studenti alessandrini protagonisti a Napoli.

Il presidente della Provincia di Alessandria, Paolo Filippi, con gli assessori Maria Rita Rossa e Massimo Barbadoro e il sindaco, Mara Scagni, hanno partecipato alla presentazione del documentario ideato da Gianni Giavotto, con il coordinamento del professor Giampiero Armano, contenente brani letti dalle allieve della 5.a A del Linguistico di Alessandria dell’anno scolastico 2005/06, al teatro Mercadante di Napoli, alla presenza del sindaco, Rosa Russo Jervolino e di una platea di studenti delle scuole medie superiori della capitale partenopea.

Nel contesto della Giornata della Memoria, infatti, gli studenti alessandrini avevano realizzato il video traendo lo spunto dalla vicenda del piccolo Sergio De Simone, napoletano, impiccato il 20 aprile 1945 , a nove anni, con altri diciannove bambini, nella scuola Bullenhuser Damm di Amburgo, dopo essere stati prelevati dal lager di Neuengamme. E’ una delle infinite atrocità perpetrate dai nazisti e che ha profondamente turbato e commosso l’animo di tutti coloro che sono venuti a conoscenza della tragica vicenda.

“E’ un modo per restituire Sergio De Simone alla sua città – ha detto l’assessore Maria Rita Rossa davanti alla platea di studenti napoletani e al fratello di Sergio De Simone, che ha voluto essere presente alla proiezione – per evitare che il Giorno della Memoria sia solo una celebrazione retorica e diventi sempre più un momento di riflessione che deve accompagnarci ogni giorno per evitare che gli uomini si macchino di nuovi orrori.
Il documentario dei nostri studenti è la testimonianza della necessità di battersi perchè tutti i bambini del mondo possano avere la spensieratezza e la felicità proprie dei bambini”. Anche il sindaco di Alessandria, Mara Scagni, ha voluto sottolineare “la necessità di dare strumenti di conoscenza e di riflessione ai nostri ragazzi affinchè certi atti della Storia non siano catalogati come semplici avvenimenti”.

Rosa Russo Jervolino ha ringraziato personalmente la Provincia e il Comune di Alessandria che, con gli studenti, “hanno voluto ricordare quel bambino napoletano e tutti quei bambini che sono stati oggetto di sperimentazione, non per seminare odio ma per riflettere sulla necessità dell’impegno di una scelta di vita solidale e senza differenze”.

Alla proiezione del video è seguita la rappresentazione del monologo “L’ultima notte”, interpretato dall’attrice alessandrina Laura Bombonato, sullo stesso episodio di Sergio De Simone. Per circa due ore la platea dei giovani napoletani è rimasta in assoluto silenzio a guardare e ad ascoltare il crescendo di una tragedia che ha colpito i più piccoli e indifesi, e il fratello del piccolo Sergio, nel ripercorrere la tragedia dei suoi famigliari, ha voluto ringraziare pubblicamente quanti hanno saputo e voluto ricordare le atrocità di un periodo storico che non va assolutamente dimenticato.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.